Il volume "Leonard Meldert - L’ultimo grande Maestro Fiammingo in Italia", è la prima monografia - anche se limitata alla produzione sacra - e comunque il primo studio con caratteri compiuti relativo a Meldert, un compositore importante soprattutto alla luce di ciò che rappresentò nello scenario musicale italiano di fine Cinquecento.
Allievo di Orlando di Lasso, Leonard Meldert della provincia di Ghent (?) fu attivo in Italia già negli anni 1573/78 in qualità di musico di Corte al servizio di Guidubaldo II.
Fu poi chiamato dal Cardinale urbinate Giulio Feltrio della Rovere, Arcivescovo nella Cattedrale di Ravenna, a ricoprire la carica di “Magister Cappellae” prima nella stessa Ravenna, poi ad Urbino e Loreto, infine ad Orvieto dove fu maestro di cappella della Cattedrale per venti anni, e dove morì l’8 aprile del 1610.
Artefice e protagonista degli usi musicali del tardo cinquecento, Meldert
figura essere uno degli ultimi rappresentanti della scuola fiamminga in Italia, non a caso attivo in piccoli centri come Ravenna, Urbino ed Orvieto, dove più a lungo si conservarono le pratiche musicali dell’epoca gloriosa del Rinascimento italiano.

 

oxfordmusiconline.com

 

Per acquistare il volume: info@lapoliedrica.it